338/3299817 info@halproductions.com

L’evoluzione del digitale

Il digitale da Méliès a Spielberg

Il rapporto tra cinema e finzione, o meglio, tra cinema e le nuove tecnologie, risale a Il viaggio sulla luna di George Méliès inteso come falso che si mescola abilmente nella settima arte. Con il passare dei decenni e con l’approdo al digitale questa commistione si è sempre fatta più sottile e meno evidente. Lo si evince in particolar modo dal nuovo film di Steven Spielberg Il Grande Gigante Gentile (Il GGG).

Nel film prodotto e distribuito dalla Disney viene tracciata una nuova via in materia di utilizzo del digitale in un film fantastico. Sul gigante gentile, interpretato da Mark Rylance (già visto ne Il ponte delle spie) viene impostata la tecnologia a servizio della parte sentimentale del personaggio.

La commistione del digitale con l’analogico si confonde in maniera così abile quasi da non riuscire a delinearne i confini e si mette al servizio di idee che provengono dalle origini del cinema per allargare ulteriormente l’immaginazione.