Non solo cosa ma come lo facciamo: Social Media Marketing

Non solo cosa ma come lo facciamo: Social Media Marketing

Social Media Marketing

Tutti, o quasi, abbiamo attivo un account Facebook, Instagram, Twitter, ecc. Si tratta di strumenti che sono ormai entrati nelle nostre abitudini quotidiane. Attenzione però, un conto è avere un proprio account personale, in cui postare i contenuti che ci piacciono da condividere con i nostri amici, un conto è gestirlo in modo professionale per comunicare la propria attività.

Tutti sappiamo dare un calcio ad un pallone ma pochi son quelli che lo fanno in serie A

Avere a disposizione un professionista che possa seguirti e consigliarti potrebbe essere la soluzione migliore per ottenere dei buoni risultati.

Perché i social sono così importanti?

I Social coinvolgono nel nostro paese circa 28 milioni di persone,  mentre nel mondo parliamo di cifre che sfiorano i 2 Miliardi. Il tasso di crescita annuale viene stimato intorno al 10%.

 

In Italia il Social Network più utilizzato è Facebook, seguito da Google+, Twitter ed Instagram. Riuscire ad avere una propria identità ben definita con dei contenuti di qualità e che diano risposte alle domande dei nostri clienti diventa uno strumento di business insostituibile. Vediamo subito perchè.

Proviamo a fare un piccolo esperimento mentale. Immaginate di essere fuori con alcuni amici, in un giorno di relax, mentre si fanno due chiacchere viene fuori che uno di voi ha un problema perché gli si è rotto il computer e non sa a chi portarlo. Le strade sono 2: o conoscete già un tecnico di vostra fiducia oppure, se ve ne viene consigliato uno che non conoscete, la prima cosa che fate qual è? Digitare su Google il nominativo del professionista per vedere chi è, se ha un sito o una pagina Facebook e com’è quotato. Non trovare nessuna informazione o un vecchio sito non aggiornato, favorirà senza dubbio la ricerca di un professionista meglio visibile a cui chiedere un preventivo.

Come gestire i tuoi social in modo efficace

Quali sono gli step principali se vogliamo parlare di una gestione completa e professionale:

  1. Definire obiettivi seri e raggiungibili

    Come in ogni attività prima di partire bisogna avere ben chiari gli obiettivi da raggiungere. Ogni attività è diversa dall’altra e pertanto gli obiettivi dovranno essere personalizzati.

  2. Scegliere su quali social stare

    I social sono degli amplificatori eccezionali, è importante scegliere su quali stare in base al tuo business. Se hai un’attività visiva (fotografo) Instagram sarà quello più adatto a te, se sei un traduttore è bene puntare su Facebook in cui puoi inserire foto e testi. Se sei all’inizio, è meglio avere una presenza curata su un solo social, piuttosto che averne una trascurata su tanti social differenti. Scegli il campo su cui puoi fare davvero la differenza.

  3. Analizzare i competitor presenti

    Cerca di individuare chi sono i migliori nel tuo campo e vedi di capire come si muovono per trarne ispirazione. Attenzione! Questo non significa copiare i loro contenuti ma solo avere degli spunti per decidere che taglio dare alla tua pagina!

  4.  Definire il proprio target

    Scegli a chi vuoi parlare, il tuo target di potenziali clienti. Non puoi pensare di parlare a tutti ma devi avere ben chiaro a chi si rivolge la tua pagina social.

  5.  Scegliere il tono della tua comunicazione, ovvero come parli ai tuoi utenti

    Che stile ha la tua pagina? Formale? Amichevole? A seconda di quello che fai e di qual’è il tuo target è importante scegliere il tono esatto alla tua comunicazione.

  6. Definire un piano ed un calendario editoriale

    Definisci a monte un piano editoriale per scegliere quali e quanti contenuti desideri pubblicare. Questa sarà la mappa della tua strategia di comunicazione social. Solo così risulterai autorevole ed affidabile. Contenuti improvvisati non ti porteranno da nessuna parte. Non sai cos’è un piano editoriale? Guarda qui.

  7. Gestire le interazioni con i post da parte degli utenti

    Seguire le interazioni degli utenti sulla tua pagina. Un apprezzamento, una domanda o una critica non devono cadere nel vuoto ma sono delle ottime opportunità per fare sentire la tua presenza al tuo pubblico.

  8. Gestire eventuali contenuti sponsorizzati

    I social permettono di avere contenuti sponsorizzati per aumentare efficacia e visibilità dei tuoi annunci. Decidi un budget per promuovere i contenuti che ritieni più appetibili per il tuo pubblico.

  9. Verificare gli insights delle pagine social per migliorare costantemente le performance

    Verifica sempre l’efficacia della tua comunicazione, ogni pagina business ti offre un servizio di statistiche che ti darà una panoramica di come stanno andando i tuoi post. Questo è molto utile per capire come stanno andando le cose.

 

Vuoi migliorare la tua presenza sui social ma non sai come fare? Contattaci per un incontro conoscitivo, siamo a tua disposizione!

 

Non solo cosa ma come lo facciamo – Siti Web

Non solo cosa ma come lo facciamo – Siti Web

Molto spesso, quando incontriamo un nuovo cliente, ci capita di entrare in contatto con piccole medie aziende e/o professionisti che vorrebbero iniziare a curare la loro presenza online con un Sito Web sfruttando le potenzialità che oggi offre il digitale ma non sanno bene di cosa hanno bisogno.

I nostri servizi

Siti Web, Social Media Marketing, Video Editing, Grafica Digitale sono termini imprescindibili nella moderna comunicazione aziendale ma non è chiaro a chi non è del settore in cosa consistono, che tipo di lavoro richiedono e quali vantaggi possono offrire ad un’azienda grazie al supporto di un professionista che sia di aiuto nella scelta degli strumenti migliori.

In questo articolo ci piacerebbe spiegare in modo più divulgativo, non tanto quali siano i nostri servizi, ma come li facciamo, qual è il nostro modo di lavorare e perché possono essere utili alla tua azienda. Settimana dopo settimana analizzeremo ciascuno dei nostri servizi in modo più approfondito.

Siti Web

Partiamo dal buon vecchio Sito Web: requisito imprescindibile per essere presenti online. Oggi non averlo significa decidere di non essere presenti nel più grande collettore di informazioni esistente che conta, solo in Italia, circa 37 milioni di utenti attivi (nel mondo si parla di cifre che arrivano a circa 3 miliardi di utenti).

A seconda delle vostre esigenze, parlando di una gestione di un sito completa e professionale gli step fondamentali sono:

  1. Impostare obiettivi seri e raggiungibili;

  2. Decidere il layout del sito;

  3. Raccogliere foto e contenuti delle singole pagine;

  4. Analizzare i principali competitors presenti;

  5. Scegliere le keywords migliori per posizionare il sito;

  6. Definire un piano editoriale del sito;

  7. Definire un calendario editoriale del sito;

  8. Attivare campagne Adwords su Landing Page create ad Hoc

  9. Verificare periodicamente i dati del sito per migliorare le performance;

Per avere un sito in grado di competere con la concorrenza oggi presente si devono seguire tutti i punti precedenti. Un sito responsive, ovvero ben visibile da Pc, Tablet, Smartphone, con dei buoni contenuti aggiornati costantemente, ci permette di dare al nostro cliente un’ idea chiara della nostra azienda presentando subito bene la nostra attività.

Perché è importante avere un sito Internet, scopri il nostro articolo

Ottimizzare questo processo studiando accuratamente, settimana dopo settimana, i dati della mia audience mi farà capire se sto facendo bene o se devo aggiustare il tiro. Solo così il mio sito potrà diventare uno strumento efficace per comunicare la mia attività in modo interessante.

Hai un sito che non funziona bene? Vuoi migliorare il tuo vecchio sito o farne uno nuovo? Contattaci per un incontro conoscitivo! Siamo a tua disposizione.

Le nuove opportunità digitali per le microimprese italiane

Le nuove opportunità digitali per le microimprese italiane

Senza internet non si va da nessuna parte, o peggio si rischia di finire fuori dal mercato. Questo articolo riprende un’analisi svolta da Pragma Market Research Company su 1200 microimprese Italiane fino a 10 dipendenti (che rappresentano il 95% del nostro tessuto produttivo) ed il loro rapporto con il digitale. Vengono analizzate: connessione internet e domini, profilo social, marketing e comunicazione e  previsioni di investimento web.

  1. Connessione Internet e Domini

    Ricerca Pragma-Cnr “Digitale e Web nelle microimprese italiane”

    Ricerca Pragma-Cnr “Digitale e Web nelle microimprese italiane”

    Dall’indagine emerge che il 95% ha una connessione internet aziendale, il 62% ha attivo un dominio, mentre il 33% no e solo il 41% usa un indirizzo e-mail collegato al proprio dominio mentre il restante 52% usa indirizzi mail gratuiti per lavoro. Il Pc-Notebook è lo strumento più utilizzato con il 97% e una media di 2,8 dispositivi presenti in azienda. Smatphone e Tablet faticano ad imporsi come strumenti di lavoro quotidiano visto che entrambi hanno percentuali che non raggiungono il 50%.

  2. Profilo Social, Marketing e Comunicazione

    Ricerca Pragma-Cnr “Digitale e Web nelle microimprese italiane”

    Il 28% delle aziende ha attiva una pagina social,  il restante 72% non utilizza alcun social network. Il 9% effettua vendita servizi o prodotti via web, mentre solo 12% delle aziende cura la propria comunicazione online. Qual’è il social Network più utilizzato? Facebook con il 27% a cui segue Linkedin e Twitter con il 3%.

  3. Estensione del Dominio

    Ricerca Pragma-Cnr “Digitale e Web nelle microimprese italiane”

    Il dominio più utilizzato è .IT con il 72%, seguito dal .COM con il 27%.  Il dominio viene utilizzato per associare l’indirizzo di posta, per il 65% mentre solo per il 34% viene utilizzato per dare più visibilità all’azienda. Le aziende che non hanno nessun dominio rispondono che non lo utilizzano perché “non serve” per i 60%, “non ci hanno mai pensato” per il 20%.

  4. Dominio .IT

    Ricerca Pragma-Cnr “Digitale e Web nelle microimprese italiane”

    Il 90% delle aziende con il dominio .IT è intenzionata a rinnovarne l’uso anche per i prossimi 12 mesi, mentre solo il 2,1% deciderà di non farlo.

  5. Previsioni di Investimento Web e Digitale

    Ricerca Pragma-Cnr “Digitale e Web nelle microimprese italiane”

    Le previsioni dicono che 9,5% delle aziende decideranno di aumentare gli investimenti in questo settore. Come? L’11% lo farà in pubblicità/comunicazione digitale, il 5% sui Social Network e il 5% in E-commerce.

Conclusioni

Dalla ricerca emerge chiaramente come le microimprese italiane non mostrino una significativa confidenza, con il mondo del web e del digitale. Oggi essere su internet non è più una scelta è un’obbligo. Solo in Italia sono infatti attivi circa 37 milioni di utenti (nel mondo si parla di cifre che arrivano a circa 3 miliardi di utenti).

Abbiamo già spiegato perché è importante avere oggi un sito. Essere sul Web garantisce l’apertura ad una finestra di cui non è più possibile fare a meno,  senza distinzione fra chi opera btb o btc. Oggi il piccolo commerciante ha necessità di raccontarsi online per trovare e fidelizzare nuovi clienti, così come chi lavora esclusivamente per conto terzi deve avere un sito, ben fatto e puntualmente aggiornato per presentarsi ai committenti, a maggior ragione se si tratta di grossi gruppi che cercano nuovi fornitori esclusivamente online.

Vuoi portare la tua attività su internet? Contattataci per un incontro conoscitivo, siamo a tua disposizione!