Shakespeare and Company: cosa si cela dietro alla libreria

Scritto da: Stefano Buroni

Filosofo di formazione e da sempre appassionato di web e comunicazione digitale. Per me le parole sono sempre state importanti e grazie ad internet posso sfruttare al massimo la mia formazione letteraria!

Categoria: attualità

Tag: arte | libri

16 Dicembre 2015

Home » attualità » Shakespeare and Company: cosa si cela dietro alla libreria

La libreria

George Withman dopo aver girato il mondo, decide di approdare a Parigi per aprire, nel 1951, una libreria che, a detta dello stesso fondatore, cela in sé un’utopia socialista. L’idea infatti è quella di offrire un tetto ad aspiranti scrittori, musicisti, appassionati e accaniti lettori. Il nome, Shakespeare and Company, è stato scelto nel 1964, in occasione del 400esimo anniversario dalla nascita di William Shakespeare.

La libreria è gestita ora dalla figlia di George, Sylvia. Di recente in questo piccolo angolo di Parigi ha ospitato, tra gli altri, Jonathan Safran Foer, Zadie Smith e Paul Auster e continua a creare eventi ogni settimana per mantenere viva l’affezione dei visitatori provenienti da ogni parte del mondo.

Ti possono interessare anche…