Se l’aria diventa più pulita, il WiFi è gratis

Se l’aria diventa più pulita, il WiFi è gratis

Wifi gratuito e la nuova tecnologia ecologica

TreeWifi è un’idea che arriva da Amsterdam. Quando l’inquinamento cala, le casette si illuminano di verde e premiano i cittadini con il WiFi gratuito intorno all’albero. Se non cala, niente WiFi. Così alcuni ragazzi olandesi cercano di sensibilizzare la popolazione sul tema ambiente, premiandola.

treewifi

treewifi

Torino in 3D per i turisti

Realtà virtuale in 3D

La Fondazione Torino Musei ha già deciso di sperimentare la realtà virtuale, a 360 gradi e in 3D, per far visitare alcune delle sue sale e pare che presto si potrà passeggiare virtualmente anche tra i filari delle Langhe. Un futuro non lontano, in pratica dietro l’angolo, per Palazzo Madama e per le colline Patrimonio dell’Unesco.

Il progetto della Fondazione Musei è tutto torinese grazie alla collaborazione con Ld Multimedia, start up nata a giugno del 2015 dall’inventiva e dalla passione di Luca Licata e Fulvio Castellaro.

CHROMECAST, la TV di Google

CHROMECAST, la TV di Google

Un nuovo device

Da qualche giorno è disponibile in Italia, CHROMECAST il nuovo device prodotto da Google per avere la GOOGLE TV. Big G “esce” dal Web e tenta di accaparrarsi anche un posto di rilievo nella vecchia televisione.

Ma cos’è e di cosa si tratta? Chromecast è una specie di chiavetta USB che inserita nella porta HDMI della propria TV, permette, anche a chi non ha una smart-tv, di potere portare i contenuti web sul piccolo schermo.

Kit Chromecast

Kit Chromecast

 

 

Grazie ad una app, è possibile trasformare il proprio smartphone in telecomando e controllare la propria nuova smart tv.

Cosa è possibile vedere? Al momento si ha accesso a you tube, ai film e alla musica presenti su Google Play, ma certamente l’offerta è destinata ad ampliarsi con l’obiettivo di fare concorrenza alle tradizionali pay-tv.

Un’altro aspetto interessante è il prezzo, con soli 35 euro si ha accesso a Chromecast. La domanda che ci poniamo è: si tratta di una nuova tv o di un nuovo modo di utilizzare il web che arriva a cambiare i vecchi strumenti di intrattenimento?

Google certamente ci stupirà anche questa volta.

di Stefano Buroni

Finisce l’era di XP

Finisce l’era di XP

Il dopo

Non sarà un’altro millenium bug, ma poco ci manca, la data fatidica si avvicina, infatti l’ 8 aprile 2014 Microsoft cesserà definitivamente di fornire aggiornamenti per Windows XP.

Questo sistema operativo, rilasciato da Microsoft nel 2001, nonostante abbia più di 10 anni pare essere ancora molto diffuso in Italia tra le famiglie ma soprattutto tra imprese ed enti pubblici.

Dal 9 aprile migliaia di Computer che gestiscono dati sensibili presso Asl, ministeri e uffici pubblici potranno essere più esposti ad attacchi da parte di hacker con il rischio di vedere trafugati i dati che riguardano la nostra privacy.

Logo di Windows XP

Logo di Windows XP

 

 

Molte strutture pubbliche stanno quindi correndo ai ripari, cercando di sostituire il prima possibile i computer più obsoleti, Microsoft dal canto suo ha disposto un sito internet www.windowsxp.it che offre supporto ad aziende e privati in questa delicata fase di passaggio.

Si chiude quindi l’era di XP il sistema operativo che ha fatto entrare microsoft nel nuovo millennio e che, qui in Italia, visto l’allarme di questi giorni ha decisamente avuto un lungo successo.

Addio pellicola, benvenuto digitale

Addio pellicola, benvenuto digitale

Le novità

È da molto che se ne parla e ora sembra diventato una realtà: il digitale sta soppiantando la pellicola anche nelle sale. Secondo lANEC, associazione italiana degli esercenti cinema, il 75% delle sale italiane è già stato convertito al supporto digitale. Non ci saranno più film in pellicola e di questo cambiamento ne risentono i piccoli cinema che faticano a sostenere l’ingente spesa di circa 60 mila euro per un nuovo proiettore digitale.

Cinema Le Grazie di Bobbio (PC)

Cinema Le Grazie di Bobbio (PC)

Tra questi c’è Bobbio (PC) che vanta un cinema storico di cent’anni e che ha deciso di arrivare a questa nuova tecnologia con il crowdfunding. La raccolta fondi sulla rete, sperando nell’aiuto di benefattori amanti del cinema.

Ci si sta attrezzando in vari modi e i nostalgici, a quanto pare, dovranno farsene una ragione.